Coronavirus - Aiuti e incentivi alle imprese

Aiuti per orientamento all’imprenditorialità e networking

La Regione Marche ha pubblicato un avviso che prevede la realizzazione di progetti pilota a carattere sperimentale, articolati in azioni di orientamento all’imprenditorialità e azioni di networking, rivolti a giovani disoccupati, in uscita dai percorsi formativi medio-alti, aspiranti imprenditori e start-uppers

Sono destinatari dell'avviso giovani aspiranti imprenditori che, al momento della presentazione della domanda di partecipazione all’intervento:

  • siano disoccupati;
  • abbiano un’età compresa fra i 18 ed i 35 anni (non compiuti);
  • siano residenti nella Regione Marche;
  • siano in possesso di uno dei seguenti titoli di studio:
    • diploma di laurea specialistica,
    • diploma di laurea,
    • diploma di scuola media superiore,
    • diploma di ITS,
    • diploma di IFTS.

Le domande di finanziamento devono essere esclusivamente presentate da Associazioni Temporanee di Impresa (ATI) o di Scopo (ATS) composte necessariamente da tutte le seguenti quattro tipologie di soggetti di seguito elencate:

  • incubatore certificato ai sensi del d.l. n. 179/2012, iscritto nella sezione speciale del registro delle imprese, con sede legale e/o operativa nella regione, con ruolo di capofila e che, alla data di presentazione della domanda di finanziamento, risulti accreditato presso la Regione Marche per la macrotipologia “FORMAZIONE SUPERIORE” o che abbia presentato istanza di accreditamento per la macrotipologia richiesta e ottenga l’accreditamento prima della stipula della convenzione;
  • università/enti di ricerca, che alla data di presentazione della domanda di finanziamento risultino accreditate presso la Regione Marche per la macrotipologia “FORMAZIONE SUPERIORE” o che abbiano presentato istanza di accreditamento per la macrotipologia richiesta e ottengano l’accreditamento prima della stipula della convenzione;
  • agenzia formativa che, alla data di presentazione della domanda di finanziamento, risulti accreditata presso la Regione Marche per la macrotipologia “FORMAZIONE SUPERIORE” o che abbia presentato istanza di accreditamento per la macrotipologia richiesta e ottenga l’accreditamento prima della stipula della Convenzione;
  • start up innovative, inclusi hub creativi.

Ogni incubatore certificato può presentare al massimo 1 progetto pilota.

Le azioni progettuali devono dunque essere riconducili ai due risultati che si intendono conseguire con l’avviso:

  • creazione ed attivazione di un mindset imprenditoriale nei destinatari;
  • sostegno qualificato fino alla fase di pre startup.

Le proposte progettuali devono prevedere un insieme variamente combinato di azioni orientative riconducibili alle categorie di informazione, formazione, consulenza e accompagnamento/tutoring. Tali azioni dovranno essere organizzate in percorsi e/o circuiti territoriali, partendo da momenti di animazione/sensibilizzazione giovanile (pre-seed), seguire l’evoluzione e la finalizzazione di interessi e motivazioni (es: esercitarsi, mettersi alla prova, attivarsi, ecc.) con azioni sempre più mirate, fino ad arrivare all’accompagnamento al percorso imprenditoriale. Esse devono altresì prevedere azioni finalizzate alla creazione e attivazione di reti, per qualificare ed ampliare le capacità di networking degli aspiranti imprenditori. 

L’importo massimo per ciascun progetto pilota è di 467.500 euro. 

Il costo ammissibile dei singoli progetti sarà quantificato con la formula “staff + 40%” di cui all’art. 68 ter del Reg. UE 1303/2013, così come modificato dal Regolamento “omnibus” (Finanziamento a tasso forfettario dei costi diversi dai costi per il personale). I beneficiari dovranno pertanto rendicontare tutti i costi diretti ammissibili per il personale, interno o esterno, impiegato nella realizzazione dei progetti. Il contributo complessivo che sarà riconosciuto al progetto sarà determinato aggiungendo un tasso forfettario del 40% al costo totale del personale impiegato nella realizzazione del progetto. Ai sensi di quanto disposto a livello regolamentare, il suddetto tasso forfettario coprirà tutte le altre spese, dirette o indirette, diverse dalle spese del personale. Le spese diverse da quelle sostenute per il personale non dovranno essere rendicontate.

Le domande dovranno essere presentate esclusivamente per via telematica utilizzando il sistema informatico SIFORM2, entro il 15 settembre 2021.

 


Settore
Area Espositiva


Mappa
Contatti
Allegati
Schede
News correlate
Bandi collegati

Risposta

Lascia un commento - Inizia una nuova discussione

Copyright ® Telematica Italia S.r.l. 2021 - Tutti i diritti riservati