Coronavirus - Aiuti e incentivi alle imprese

Decontribuzione anche per cultura e spettacolo

L’esonero contributivo totale per le aziende più colpite dall'emergenza Covid previsto dal DL 73/2021, viene ampliato dalla legge di conversione a nuovi settori di attività. La decontribuzione riguarda le aziende che hanno utilizzato trattamenti di integrazione salariale nei mesi di gennaio, febbraio e marzo 2021 nei settori:

  • del turismo e
  • degli stabilimenti termali e
  • del commercio,
  • cui si aggiungono ora i settori creativo, culturale e dello spettacolo.

L’agevolazione comporta per l’azienda il blocco dei licenziamenti fino a fine 2021.

La misura ha le seguenti caratteristiche:

  • è fruibile dal 26 maggio ed entro il 31 dicembre 2021
  • nel limite del doppio delle ore di integrazione salariale già fruite nei mesi di gennaio, febbraio e marzo 2021
  • restano esclusi i premi e contributi dovuti all'INAIL.
  • resta ferma l'aliquota di computo ai fini delle prestazioni pensionistiche
  • è cumulabile con altri esoneri previsti dalla normativa vigente.

Come detto ai beneficiari si applica fino al 31 dicembre 2021 il divieto di

  • licenziamento individuale per giustificato motivo oggettivo,
  • licenziamento collettivo
  • il blocco delle procedure in corso alla data del 18 marzo 2020, già contemplate dall'art 8 commi 9-11 dell DL 18 2020 convertito in legge.

La violazione del divieto di licenziamento comporta la revoca dell'esonero contributivo concesso con efficacia retroattiva e l'impossibilità di presentare domanda di integrazione salariale

Ancora, la norma prevede che l'esonero sia cumulabile con altri esoneri o riduzioni delle aliquote di finanziamento previsti dalla normativa vigente, nei limiti della contribuzione previdenziale dovuta.

Sono stanziati per questa misura 770 milioni di euro per il solo 2021.

L'Inps è incaricato della gestione e del monitoraggio delle domande e sospendera le autorizzazioni nel caso in cui, anche in via prospettica si superi l'importo stanziato.

Dall' Istituto si attendono ancora , già dalla data del decreto legge , le istruzioni operative per la definizione piu dettagliata delle aziende interessate e per le modalità della domanda.

Da segnalare infine che il beneficio rientra nei limiti e condizioni del «Quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell'economia nell'attuale emergenza del COVID-19» quindi l'efficacia è subordinata all'autorizzazione della Commissione europea che sarà comunicata dall'istituto previdenziale.

Fonte: fiscoetasse.com - Notizie del 23 luglio 2021

Settore
Area Espositiva


Mappa
Contatti
Allegati
Schede
News correlate
Bandi collegati

Risposta

Lascia un commento - Inizia una nuova discussione

Copyright ® Telematica Italia S.r.l. 2021 - Tutti i diritti riservati