Coronavirus - Aiuti e incentivi alle imprese

D.L. aiuti quater: tax credit energia dicembre 2022

La bozza del decreto legge aiuti quater licenziato dal Consiglio dei Ministri lo scorso 10 novembre estende al mese di dicembre 2022 il contributo straordinario in forma di credito di imposta previsto in favore delle imprese a fronte del sostenimento di spese per l’acquisto di energia elettrica e gas naturale prevista dal D.L. 144/2022 (cd. decreto aiuti ter) per i mesi di ottobre e novembre 2022.

La misura agevolativa è riconosciuta alle medesime condizioni previste dal decreto aiuti ter.

Viene, altresì, esteso al prossimo dicembre il credito spettante alle imprese energivore per la spesa per l’energia prodotta ed autoconsumata.
In riferimento al bonus relativo ai mesi di ottobre, novembre e dicembre il provvedimento fissa al 30 giugno 2023 la data entro la quale procedere all’utilizzo in compensazione. Il D.L. 144/2022 aveva posto quale termine il 31 marzo 2023, quindi la bozza di decreto concede alle imprese tre mesi in più per la fruizione del credito.

Analogo differimento del termine per la fruizione del tax credit energia è previsto per quello relativo al terzo trimestre 2022.
Il provvedimento in parola conferma che il credito d’imposta
non concorre alla formazione del reddito e del valore della produzione ai fini dell'IRAP;
non rileva ai fini della determinazione del pro rata di deducibilità degli interessi passivi e delle spese generali, di cui agli articoli 61 e 109, comma 5, del TUIR.
Ai fini della compensazione viene ribadito anche per il mese di dicembre l’inapplicabilità dei limiti annuali alle compensazioni (2 mln di euro; articolo 1, comma 53, L. 244/20017) e dei crediti d’imposta riportati nel quadro RU (250mila euro; articolo 34, L. 388/2000).

Confermata, altresì, la possibilità di cumulo con altre agevolazioni che abbiano ad oggetto i medesimi costi, a condizione che tale cumulo, tenuto conto anche della non concorrenza alla formazione del reddito e della base imponibile dell'IRAP, non porti al superamento del costo sostenuto.

In ordine alle modalità di cessione, il decreto aiuti quater applica al credito relativo al mese di dicembre le medesime condizioni previste per i due mesi precedenti.

La cessione del credito d’imposta può essere effettuata:
solo per l’intero credito maturato nel periodo agevolato;
nei confronti di altri soggetti (inclusi istituti di credito e altri intermediari finanziari), senza facoltà di successiva cessione;
con la possibilità di due ulteriori cessioni solo se effettuate a favore di soggetti "qualificati" (banche e intermediari finanziari, società appartenenti a un gruppo bancario iscritto all'albo, imprese di assicurazione autorizzate ad operare in Italia).
Per procedere alla cessione l’impresa cedente deve richiedere l’apposizione del visto di conformità sul modello che sarà approvato con un apposito provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate.

L’utilizzo del bonus da parte del cessionario avviene con le stesse modalità ed i medesimi termini previsti per il cedente, quindi entro il 30 giugno 2023. È stato prorogato a tale data anche il termine per l’utilizzo in compensazione da parte dei cessionari dei crediti relativi al terzo trimestre 2022.

La bozza del decreto prevede che per il contributo relativo al mese di dicembre si applicano, in quanto compatibili, le disposizioni recate dall’articolo 1 del D.L. 144/2022. Dovrebbe, pertanto, ritenersi che anche per il mese citato le imprese non energivore e non gasivore, alle condizioni previste dal comma 5 della predetta norma, possano richiedere al proprio fornitore di energia elettrica e/o gas naturale la comunicazione che attesta la misura del credito d’imposta.

È previsto che i beneficiari del credito d’imposta relativo al terzo trimestre, nonché ai mesi di ottobre, novembre e dicembre 2022 possano inviare la comunicazione prevista a pena di decadenza dal diritto alla fruizione del credito ancora non utilizzato in compensazione, entro il 16 marzo 2023, in luogo del termine del 16 febbraio 2023 originariamente previsto dal decreto aiuti ter presentino all’Agenzia delle Entrate un’apposita comunicazione del credito maturato nell’esercizio 2022.

Infine, si evidenzia che è confermata la percentuale agevolativa prevista per i mesi di ottobre e novembre.

Fonte: fiscal-focus.it, Articoli Fisco del 15 novembre 2022

Settore
Area Espositiva


Mappa
Contatti
Allegati
Schede
News correlate
Bandi collegati

Risposta

Lascia un commento - Inizia una nuova discussione

Copyright ® Telematica Italia S.r.l. 2023 - Tutti i diritti riservati