Contributi a sostegno della cultura e del turismo

La Camera di Commercio di Vicenza assegna contributi a sostegno dell'economia provinciale al fine di promuovere iniziative culturali e turistiche.

Possono accedere ai contributi esclusivamente soggetti privati rappresentativi e portatori di interessi generali per il sistema economico locale quali, a titolo esemplificativo associazioni imprenditoriali rappresentative dei settori economici e loro società di servizi, consorzi di imprese, reti di imprese soggetto, cioè con personalità giuridica, nonché soggetti pubblici, per la realizzazione di progetti di valenza complessiva per il sistema economico locale e senza fine di lucro, che garantiscano il più ampio e sinergico coinvolgimento della generalità delle imprese.

Sono considerate ammissibili al contributo esclusivamente le spese e i costi direttamente imputabili all’iniziativa e precisamente:

  • affitti sale, spazi espositivi;
  • acquisto o noleggio beni mobili, attrezzature e arredi Servizi tecnici: noleggio apparecchiature multimediali Produzione di libri: prodotti editoriali per eventi, manifestazioni Pubblicità diretta e indiretta per campagna stampa, TV, radio, social network
  • siti internet, pagine web, pagine social, newsletter Compensi e rimborsi per relatori, docenti, interpreti, consulenti (comprese spese di viaggio, vitto e alloggio debitamente documentate)
  • spese di rappresentanza, (omaggi e doni di rappresentanza, colazioni, buffet ed altre manifestazioni conviviali e spese di ospitalità)
  • spese per contratti di collaborazione (in tale ipotesi, l’assegnazione al progetto dovrà essere espressamente indicata nel contratto di collaborazione)
  • spese per servizi di consulenza prestati da consulenti esterni, con esclusione dei servizi continuativi o periodici quali la consulenza fiscale, legale o la pubblicità
  • spese per la locazione, l’installazione e la gestione dello stand in occasione della partecipazione a fiere e mostre
  • spese per l'ottenimento, la convalida e la difesa di brevetti e altri attivi immateriali e per la consulenza e sostegno all’innovazione compresa l’innovazione di processo e dell’organizzazione
  • spese per la formazione, limitatamente ai costi dei servizi di consulenza connessi a progetti di formazione, ai costi dei materiali e delle forniture con attinenza diretta al progetto di formazione e con esclusione della formazione obbligatoria secondo la normativa nazionale
  • spese per gli studi ambientali, compresi gli audit energetici, direttamente connessi agli investimenti a favore di misure di efficienza energetica.

Sono inoltre ammesse al contributo le seguenti spese sostenute a favore della cultura e conservazione del patrimonio:

  • i costi necessari per la tutela, la conservazione, il restauro e la riqualificazione del patrimonio culturale materiale e immateriale, compresi i costi aggiuntivi per lo stoccaggio in condizioni appropriate, gli attrezzi speciali, i materiali e i costi relativi a documentazione, ricerca, digitalizzazione e pubblicazione;
  • i costi sostenuti per rendere il patrimonio culturale meglio accessibile al pubblico, compresi i costi per la digitalizzazione e altre nuove tecnologie, i costi per migliorare l'accessibilità delle persone con esigenze particolari (in particolare, rampe e sollevatori per le persone disabili, indicazioni in braille e esposizioni interattive nei musei) e per la promozione della diversità culturale per quanto riguarda presentazioni, programmi e visitatori;
  • i costi delle attività di educazione culturale e artistica e di sensibilizzazione sull'importanza della tutela e promozione della diversità delle espressioni culturali tramite programmi educativi e di sensibilizzazione del pubblico, compreso l'uso delle nuove tecnologie;
  • i costi per migliorare l'accesso del pubblico ai siti e alle attività delle istituzioni culturali e del patrimonio, compresi i costi di digitalizzazione e di utilizzo delle nuove tecnologie, nonché i costi di miglioramento dell'accessibilità per le persone con disabilità;
  • i costi operativi collegati direttamente al progetto o all'attività culturale, quali la locazione o l'affitto di immobili e centri culturali, le spese di viaggio, i materiali e le forniture con attinenza diretta al progetto o all'attività culturale, le strutture architettoniche utilizzate per mostre e messe in scena, la locazione di strumenti, software e attrezzature, i costi per l'accesso a opere protette dal diritto d'autore e ad altri contenuti protetti da diritti di proprietà intellettuale, i costi di promozione e i costi direttamente imputabili al progetto o all'attività;
  • i costi dei servizi di consulenza e di sostegno forniti da consulenti esterni e da fornitori di servizi, direttamente imputabili al progetto;
  • costi per la produzione e la distribuzione di opere audiovisive.

I progetti ammessi a contributo verranno finanziati per un importo che non potrà eccedere il 50% dei costi preventivati e ammessi. Il contributo massimo non potrà eccedere 60.000 euro per progetto.

Le risorse camerali ammontano a 384.000 euro.

Le domande vanno presentate dal 4 ottobre al 28 ottobre 2021 tramite PEC all'inidirizzo cameradicommercio@vi.legalmail.camcom.it.

Settore
Area Espositiva


Mappa
Contatti
Allegati
News correlate
Bandi collegati

Risposta

Lascia un commento - Inizia una nuova discussione

Copyright ® Telematica Italia S.r.l. 2021 - Tutti i diritti riservati